Capitolo quinto – Il ritorno degli eroi

Copertina D'amore e d'ombra

“Tutto bene, Misaki?”
La voce di Jun Misugi lo riscosse dai suoi pensieri.
“Sono ore che fissi fuori dal finestrino. Stai ancora pensando a quel che ha detto Tsubasa?”
In realtà, Misaki stava pensando a tutt’altro.
La vittoria della medaglia d’oro e, soprattutto, il premio come miglior giocatore, avevano ulteriormente accresciuto quella nuova forza, emersa per la prima volta contro la Nigeria, che aveva trasformato il suo modo di giocare.
Il mondo gli confermava che non era solo una spalla, un giocatore a metà.
Non lo era stato in campo e non riusciva più a esserlo nemmeno nella vita.
“Gli passerà. Era teso e preoccupato per sua moglie. Credo che questo abbia inciso parecchio”, proseguì Misugi.
Il pensiero di Sanae attraversò la mente di Misaki.
Aveva cercato di tenerlo lontano fino a quel momento, riuscendoci poco e male. Adesso diventò impossibile.
“Prova a dormire un po’”, suggerì Misugi.
Dormire! Era una parola!
Il sonno lo aveva abbandonato ormai da troppo tempo.
Da quell’ultimo incontro con Azumi, per la precisione.
Lei gli aveva letto dentro con una chiarezza che lui non aveva mai avuto il coraggio di avere.
Era vero. Per molto tempo era rimasto nell’ombra, a consolare le lacrime di Sanae, facendo di tutto perché lei fosse felice…

o

È DISPONIBILE SUL SITO IL QUINTO CAPITOLO DI “D’AMORE E D’OMBRA“!

Se vuoi leggere tutto di seguito, vai all’indice.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s