Capitolo tredicesimo – Si alza il vento

Copertina D'amore e d'ombra


Andarci in bicicletta forse non era stata una buona idea, pensò Sanae, mentre arrancava sulla strada per la spiaggia. Non aveva più l’allenamento dei giorni del liceo, quando i chilometri in bicicletta li divorava senza sentirli.
“Andiamo, pigrona!”, la canzonò Taro e afferrò il manubrio per farle fare meno fatica.
Erano quasi arrivati.
Era mattina molto presto e non c’erano automobili sulla via verso il mare.
Sanae aveva scelto come meta la spiaggia dove avevano visto l’alba quel giorno lontano.
Taro aveva sentito una fitta al cuore, ma poi aveva pensato che fosse giusto così: il cerchio doveva chiudersi lì, lì dove si era aperto…

O

 

È DISPONIBILE SUL SITO IL TREDICESIMO CAPITOLO DI “D’AMORE E D’OMBRA“!

Se vuoi leggere tutto di seguito, vai all’indice.