2. LA MONTAGNA DI FUOCO E DI NEVE

Capitolo secondo

LA MONTAGNA DI FUOCO E DI NEVE

 


La testa che spunta dalle nuvole, il regale kimono di neve, le ampie maniche tessute nella nebbia.
Il Fuji-san domina la prefettura di Shizuoka come una gigantessa candida, simbolo stesso della bellezza.
Ma la gigantessa ha un cuore di fuoco, che si risveglia ogni trecento anni.
Impossibile non vedere nel vulcano, icona del Giappone, una divinità celeste.
La manifestazione ultraterrena del Monte Fuji è la bellissima Kono-Hana-Sakuya-Hime, la principessa degli alberi in fiore, e in particolare del ciliegio giapponese, meraviglioso ed effimero come la vita umana.
Bellissima e dal carattere di fuoco, proprio come la sua montagna.
Narra la leggenda che la principessa passeggiava un giorno sulla spiaggia, quando incontrò il dio del cielo Ninigi. E, tra i due, fu subito amore.
Ma, quando la sposa rimase incinta, il dio ebbe il sospetto che gli fosse stata infedele.
Kono-Hana-Sakuya-Hime, allora, si chiuse con i gemelli che aveva dato alla luce in una capanna e le diede fuoco.
“Se sono figli di un dio, sopravviveranno!”, disse.
Il fuoco lasciò indenni i bambini e la principessa dall’aspetto delicato come i ciliegi e dal carattere di fuoco come il cuore del Fuji-san.
Protettrice delle donne in gravidanza, i suoi templi circondano come una ghirlanda le pendici del monte sacro.

∗ ∗ ∗

L’idea di fare la giornalista sportiva non la allettava minimamente.
Abituata fin da ragazzina a viaggiare e dotata di un notevole talento per le lingue straniere, il sogno di Azumi Hayakawa era fare la reporter. Fiondarsi nelle zone più difficili del globo, nei luoghi più caldi, ovunque, insomma, ci fosse una storia da raccontare.
Non che la generazione d’oro, che stava accarezzando il sogno dell’oro olimpico contro ogni pronostico, non fosse una buona storia. Probabilmente, se non ci fosse stato di mezzo Taro Misaki, l’incarico avrebbe potuto anche essere interessante.
Di storie particolari i ragazzi venuti dal Sol Levante ne avevano parecchie, dall’invincibile soccer prodigy, al principe dal cuore di cristallo, Jun Misugi, al granitico samurai Hikaru Matsuyama, il riservato uomo del nord, all’indomabile Kojiro Hyuga, che a soli 11 anni, orfano di padre, lavorava per aiutare la famiglia.
Impossibile, però, ignorare la romantica storia del figlio del pittore, costretto a seguire il padre in tutti i suoi spostamenti, un vagabondo dalla carriera sfortunata e dal talento cristallino. Una storia senza dubbio coinvolgente per i lettori.
Ma lei proprio non se la sentiva di raccontarla.

∗ ∗ ∗


“Non sei nella posizione giusta!”
Gli allenamenti del pomeriggio procedevano con fatica.
Era l’ennesimo passaggio fallito tra Tsubasa e Misaki.
“Non dovevi essere lì, ma più avanti. Non posso doverti cercare ogni volta, diamo il tempo agli avversari di intervenire!”
Tsubasa indicava al numero 11 il movimento che riteneva avrebbe dovuto fare.
“Tsubasa, abbiamo giocato in modo diverso, quando non eri in campo. Devi abituarti al nuovo schema!”, replicò Misaki.
“Non è un problema di schema!”, esclamò il soccer prodigy, “È che non capisci quello che sto per fare! Dovresti cogliere al volo le mie intenzioni!”
Il coach Kira intervenne.
“Dovete impratichirvi un po’ con le nuove posizioni”, disse, “Anche tu, Tsubasa, hai perso almeno un paio di spunti interessanti di Misaki”.
Tsubasa si zittì.
Il resto della squadra guardava preoccupata i suoi due assi che facevano così fatica a trovarsi.
Non sembrava certo un buon auspicio per l’indomani.

∗ ∗ ∗

“Ma coach, lei non è una giornalista, è un’amica!”
I ragazzi del Torneo di Parigi avevano subito riconosciuto in Azumi Hayakawa la loro grintosa sostenitrice e ora Ryo Ishizaki stava perorando la sua causa presso l’allenatore.
“Cinque minuti, non di più!”, disse il coach, con tono che non ammetteva repliche.
Dopo aver esitato per quasi un’ora davanti all’albergo che ospitava la nazionale, Azumi si era decisa ad entrare solo quando ne aveva visto uscire ed allontanarsi Taro Misaki.
Non se la sentiva proprio di incontrarlo.
Spiegò in breve il suo progetto di un reportage sulle storie della generazione d’oro.
Ishizaki scoppiò a ridere.
“Non caverai un ragno dal buco!”, disse, “Qui ci sono solo timidi cronici!”
“Vorrà dire che mi rivolgerò alle ragazze”, replicò decisa Azumi, “Di solito sono più loquaci…”
Una buona metà della nazionale olimpica avvampò. L’altra metà non era fidanzata.
“D’altra parte”, aggiunse la giornalista, rivolgendosi al capitano, “un’intervista alla leggendaria Sanae Ozora varrebbe da sola l’intero reportage…”
Tsubasa la guardò sbalordito.
“Leggendaria?”
“Fidanzata da sempre del più famoso calciatore del Giappone, tra poco anche madre dei suoi figli. E non ha mai rilasciato una riga di intervista”, spiegò Azumi.
Tsubasa tentò il contropiede.
“In realtà mi risulta che l’intervista più richiesta in questo momento sarebbe quella di Taro Misaki, visto il suo torneo…”, ribatté il capitano.
La giornalista si stupì della nota sarcastica nella voce di Tsubasa.
“In effetti anche lui non ne ha mai rilasciate”, osservò Misugi.
“Beh, ma quella non vale”, ammiccò Ishizaki, “Non sarebbe professionale da parte tua, Azumi!”
La ragazza lo gelò.
“Non vedo Misaki da più di un anno”, disse.
Un silenzio imbarazzato scese nella stanza.
Azumi ne approfittò per congedarsi, prima che comparisse il numero 11, così insistentemente evocato.
“Beh, vedremo”, si affrettò a concludere, “Per adesso concentratevi sulla finale, poi vi contatterò io”.
Aveva fatto pochi passi nel corridoio deserto, quando una voce alle sue spalle la fermò.
“Non voglio che disturbi Sanae”.
Azumi si voltò e si trovò davanti il soccer prodigy.
“Che cos’ha mai da nascondere questa donna misteriosa?”, chiese, con un filo di ironia.
Tsubasa esitò un momento.
“Mia moglie ha sempre preferito stare sugli spalti”, disse infine, “Sono io quello che scende in campo”.
La giornalista lo guardò perplessa.
Tsubasa scelse con cura le parole.
“Sanae è come una montagna di neve”, disse, “È capace di reggere il cielo, ma va tenuta all’ombra”.
“Il grande cielo…”, osservò Azumi, “In giapponese Ozora, giusto?”
Tsubasa accennò un sorriso e se ne andò.
Azumi pensò che forse lo aveva mal giudicato.
Il re Sole non sembrava del tutto accecato dal proprio splendore.

∗ ∗ ∗

“Sono sicuro che domani in campo sarete affiatati come sempre”.
Ichiro Misaki, dal Giappone, rassicurava Taro, preoccupato dopo l’allenamento del pomeriggio.
Tra lui e il figlio c’era un rapporto profondo, costruito nei lunghi anni passati da soli, dopo che la madre di Taro aveva abbandonato il marito. Pittore di paesaggi, aveva portato con sé il bambino nel corso dei suoi continui vagabondaggi attraverso il Giappone e, infine, in Francia.
Sapeva bene quanto suo figlio fosse straordinariamente empatico e gentile, al punto che preferiva far brillare gli altri piuttosto che se stesso.
“Ti ho visto giocare e sono davvero impressionato”, continuò il pittore, “Hai mostrato una determinazione e una forza davvero fuori dal comune”.
“Con Tsubasa in campo sarà tutto più facile”, disse Taro.
Ichiro Misaki sapeva bene quanto il paragone con Tsubasa avesse sempre oppresso il ragazzo.
“Sara più facile in campo perché ci sei tu”, replicò il padre, “Nel Mondiale giovanile, Tsubasa non sarebbe bastato”.
Taro non disse nulla.
“Vincere la medaglia d’oro è da sempre il tuo sogno”, aggiunse ancora il pittore, “Sei stato il protagonista sia della prima fase che di queste partite finali. Non puoi continuare a pensarti come una comparsa nel sogno di Tsubasa”.
“Lo so, papà”, mormorò il numero 11, “Ormai da tempo ho capito che devo percorrere la mia strada, non seguire la sua”.

∗ ∗ ∗

Sulla Spagna, il sole era da poco tramontato. Sul Giappone, era già l’alba del giorno della finale.
“La prima partita che gioco per intero e mi ritrovo con un ruolo a metà!”, disse Tsubasa, con rabbia, al telefono.
L’idea del coach Kira lo aveva messo davvero di cattivo umore e sperava di trovare appoggio nella moglie. Ma Sanae non sembrava intenzionata a darglielo
“Non capisco… Un ruolo a metà?”, replicò, “Si gioca in undici e tu parli come se giocassi da solo. Mi sembra un discorso insensato”.
“Il coach ci tiene a dare molto spazio a Misaki”, disse Tsubasa, sputando il rospo.
“Fino ad ora ha giocato splendidamente…”, rispose lei, con tono affannato, “In campo la sua fortissima motivazione ha fatto la differenza”.
Tsubasa si sentiva sempre più frustrato. Come faceva a non capire? Un conto era condividere il ruolo con un giocatore del calibro e dell’esperienza di Rivault, lì la cosa era un onore. Tutt’altro era doverlo spartire con Misaki, praticamente alla sua prima esperienza internazionale.
“Abbiamo sempre giocato con me come playmaker e Misaki sulla fascia. E ha sempre funzionato. Che bisogno c’è di cambiare le cose?”, sbottò aggressivo Tsubasa.
Sanae sentì montarle la rabbia.
“Sai cosa ti dico?”, disse con tono secco e volume più alto, “Sembri un bambino capriccioso a cui venga sottratta l’attenzione! Sei troppo abituato a stare al centro del mondo, capitano Ozora Tsubasa. Ti comunico ufficialmente che il mondo va avanti anche senza di te! Fattene una ragione!”
Il respiro le si era fatto corto e affannoso.
Tsubasa pensò di aver esagerato. Era al termine della gravidanza, doveva stare tranquilla.
“Scusa, non volevo farti arrabbiare tanto da farti venire il fiatone”.
Sanae rise.
“Vedi cosa voglio dire? Non sei tu a darmi il fiatone, è il Monte Fuji!”
“Che cosa???”, esclamò Tsubasa sbalordito, “Cosa diavolo ci fai sul Monte Fuji?! Dovresti essere a casa a riposare!”
“Guarda che una bella scarpinata è il modo migliore per indurre il travaglio!”, ribatté decisa Sanae, “Ho deciso che partorirò entro 24 ore. Sono stufa di aspettare!”

∗ ∗ ∗

Capitolo terzo – Un passo fuori dall’ombra

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s