20. UN’OMBRA PER SEMPRE SARAI

Capitolo ventesimo

UN’OMBRA PER SEMPRE SARAI

 

Tsubasa si sentiva con la testa annebbiata, come se avesse dormito per un secolo.
Senza aprire gli occhi, si rese conto di essere a casa sua, a Barcellona.
Allungò la mano nel letto e incontrò una schiena nuda. Nel dormiveglia le si avvicinò e le diede un bacio.
“Sanae, vieni qui”, bisbigliò.
“Fottuto bastardo!”
Come morsa da un serpente, Azumi Hayakawa si rizzò sul letto, vestita del solo lenzuolo.
Tsubasa non fece in tempo a svegliarsi del tutto che un gancio destro lo colpì in pieno volto.
Recitando il rosario delle peggiori ingiurie che conosceva, Azumi recuperò alla velocità della luce i suoi vestiti e, nel giro di pochi secondi, fu fuori dalla porta.
Scese a precipizio le scale. Riuscì a fermarsi solo poco prima del portone, per asciugarsi le lacrime, prima di uscire in strada.
Basta!
Non ne poteva più!
Sanae Nakazawa la perseguitava, costringendola a vivere nella sua ombra.
Non riusciva più a sopportare di essere l’Anego di Francia, condannata ad assomigliarle senza poterla eguagliare.



“Cosa ne diresti di un’intervista?”, aveva detto il giorno prima Tsubasa.
Davanti agli occhi di Azumi Hayakawa, il racconto del numero 10 aveva disegnato uno scenario per lei del tutto nuovo, in cui Sanae Nakazawa non era la divinità irraggiungibile a cui era impossibile resistere, ma solo una donna fragile, condannata a vivere all’ombra degli uomini che la conquistavano. E Misaki non appariva più come l’animo nobile che aveva anteposto la felicità altrui alla propria, ma si rivelava come un uomo privo del coraggio delle proprie scelte, al quale c’erano voluti anni per ammettere di essere innamorato della moglie dell’amico.
Tsubasa, invece, con quel suo fuoco guerriero, con la passione che gli bruciava negli occhi, le era sembrato un uomo padrone del suo destino.
Dopo l’intervista, quell’affascinante eroe l’aveva invitata a cena e corteggiata per tutta la sera.
Possibile che fosse stato così meschino da fingere tutta la gentilezza e la passione con cui l’aveva conquistata?
Possibile che lei fosse stata solo una pedina per mettere al bando il cavaliere traditore e trascinare la regina sulla gogna, con la lettera scarlatta sul petto?
Era bastato quel nome e tutto era crollato.
Era inutile. Non c’era partita con Nakazawa Sanae.

∗ ∗ ∗

Sanae Nakazawa si avviò con passo bellicoso verso la casa in cui aveva vissuto a Barcellona, decisa ad affrontare il marito per via dell’intervista della sera prima.
Davanti alla casa, si fermò per riprendere fiato e per riacquistare quel minimo di calma, che le permettesse di non prenderlo a bastonate.
Non aveva detto niente a Taro, perché voleva risolvere la questione da sola e lasciare che lui pensasse il più possibile alla partita.
Mentre cercava di tornare padrona di sé, vide uscire dal portone Azumi Hayakawa.

∗ ∗ ∗

Azumi fece un passo fuori dal portone e vide materializzarsi il suo incubo.
In due passi, Sanae Nakazawa la raggiunse, senza lasciarle scampo.
Il colpo di grazia, pensò Azumi.
Sanae la squadrò da capo a piedi.
“E sarei io quella che si deve vergognare?”
I suoi occhi erano di lava incandescente, ma il suo tono era duro e glaciale.
“Ti allei con Tsubasa per vendicarti di essere stata respinta da Taro, e poi ti infili nel suo letto…”, rincarò prima che l’altra avesse il tempo di ribattere, “Non ho mai visto nessuno più meschino e privo di scrupoli!”
“Non è vero!”, tentò di difendersi Azumi, “Mi ha usata!”
Sanae la guardò con rinnovato disprezzo.
“Siete fatti l’uno per l’altra…”, sibilò sarcastica.
“Non hai capito proprio niente!”, sbottò Azumi con rabbia, “Tuo marito vuole solo te!”
“Sei tu che non hai capito proprio niente!”, replicò con violenza Sanae, “Non è più questione di amore, ma solo di vendetta! Altrimenti tu non saresti qui”.
Azumi sentiva un nodo stringerle la gola.
“Sparisci…”, le disse a voce bassa.
Sanae la guardò stupita. Azumi stava serrando gli occhi, come per scacciare un’apparizione.
“Sparisci!”, ripeté gridando Azumi, e fuggì via.



Sanae Nakazawa si passò la mano sugli occhi.
Tutto era chiaro. Parlare con il marito non avrebbe avuto alcun senso.
Alzò lo sguardo verso il balcone di quella che era stata casa sua.
Un capitolo della sua vita si era definitivamente chiuso.

∗ ∗ ∗

Tsubasa Ozora teneva la borsa del ghiaccio sul volto e continuava a fissare il soffitto.
Aver potuto finalmente gridare al mondo la sua rabbia per il tradimento dell’amico e della moglie era stata una vera liberazione. Lo scandalo pubblico era meglio di quella guerra sotterranea e muta, che gli legava le mani e gli imbrigliava lo spirito combattente.
Aveva cercato Azumi Hayakawa col preciso scopo di rilasciare quell’intervista.
A pranzo, però, Tsubasa era rimasto affascinato dall’entusiasmo e dalla passione della giovane giornalista. Le ore passate insieme gli avevano dato nuova energia, la sensazione di poter finalmente ricominciare a vivere. Aveva sentito di nuovo il sangue pulsare nelle vene.
Ma, la mattina dopo, aveva cercato ancora lei…
Guardò la sveglia. Doveva essere al campo d’allenamento entro un quarto d’ora.
Non aveva tempo per pensare in questo momento.
Mancavano poche ore alla partita più importante della sua vita.
Non avrebbe permesso a Taro Misaki di portargli via tutto.

∗ ∗ ∗

Capitolo ventunesimo – Il cuore diviso in due

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s