23. VINCITORI E VINTI

Capitolo ventitreesimo

VINCITORI E VINTI

 

Il ritmo del secondo tempo era, se possibile, superiore a quello del primo.
Le due squadre volevano chiudere la partita senza andare ai supplementari, in cui a decidere sarebbe stata la lotteria della stanchezza.
I due giovani assi giapponesi impazzavano a centrocampo, raccogliendo boati di ammirazione per le loro prodezze, ma, per il momento, nessuno dei due era riuscito ad andare a rete e nemmeno a mandare in gol un compagno.
In tribuna stampa, c’era dell’entusiasmo. La partita era fantastica. Era del tutto impossibile prevederne l’esito.
Ishizaki si sorprese a pensare se, per una volta, si potesse fare un’eccezione e assegnare la coppa a pari merito.
Nel salotto di casa Nakazawa, gol e dediche erano stati accolti senza commenti.
Solo i più giovani si erano permessi di fare il tifo.
Yoshiko Yamaoka aveva esultato senza imbarazzo al gol dell’adorato fratello e aveva sussultato all’entrata fallosa di Tsubasa sulla gamba sinistra di Taro.
Si sentiva ancora in colpa per l’incidente che aveva così pesantemente condizionato la vita e la carriera del fratello ed era davvero felice che finalmente potesse godersi un po’ di meritato successo e di serenità.
Daichi Ozora, avvolto in un’enorme bandiera blaugrana, regalatagli dal fratello, era balzato in piedi urlando ai due gol della sua squadra del cuore.
Atsushi Nakazawa, invece, si chiedeva che cosa stesse pensando sua sorella di tutta quella faccenda. Conoscendola, era sicuro che l’intervista doveva averla resa furiosa.
Era sempre stato molto legato a Tsubasa, che considerava come un fratello, ma gli piaceva anche Taro Misaki, che lo aveva sempre fatto giocare a calcio, quando era piccolo.
Non se la sentiva di schierarsi in una guerra a cui non avrebbe mai voluto assistere.
La signora Nakazawa guardava la partita in silenzio, spostando lo sguardo a tratti sulle sue due ospiti. Non sembravano guardarsi con ostilità, anzi, a volte si scambiavano un accenno di sorriso lievemente malinconico.

∗ ∗ ∗

Ormai la partita era agli sgoccioli e il Camp Nou era una bolgia infernale.
Le due fazioni dei tifosi sostenevano i loro beniamini con tutte le forze rimaste, dopo quasi novanta minuti di una battaglia senza esclusione di colpi, ricca di spettacolo e di emozioni.
In tribuna stampa si diceva che quella finale era in assoluto una delle migliori mai giocate e che sarebbe di sicuro entrata nella leggenda, chiunque ne fosse uscito vincitore.
“Ora si tratta solo di fortuna”, disse il giornalista inglese, “Vedremo a chi sorriderà la dea bendata”.
Azumi Hayakawa pensò che la dea si era modernizzata e adesso, più prosaicamente, portava gli occhiali scuri.

∗ ∗ ∗

A un minuto dalla fine, il soccer prodigy conquistò un pallone vagante a centrocampo. Cambiando improvvisamente passo, puntò deciso la porta del PSG. Seminò quattro avversari in pochi metri ed entrò in area.
Con un recupero fulmineo, Misaki gli si parò davanti.
“Qui!”, gridò il numero 9 blaugrana, liberissimo.
Tsubasa guardò con la coda dell’occhio il compagno, poi cercò lo sguardo del suo ex migliore amico.
Misaki era ostinatamente concentrato sul pallone.
Sugli spalti, lo stadio intero trattenne il fiato.
Ishizaki chiuse gli occhi.
Sanae pensò che fosse arrivato il momento di togliersi gli occhiali scuri.
“A noi due!”, esclamò il soccer prodigy. E tentò un rapido dribbling.
Fintò un doppio passo a destra, poi spostò il peso del corpo a sinistra, infine allungò il passo di nuovo a destra.
Ma la palla rimase magicamente tra i piedi di Misaki, che ripartì rapido come il fulmine.
“Ero libero!”, gridò con rabbia l’attaccante del Barcellona, “Hai buttato via la partita per le tue vendette!”
“Non è ancora finita!”, gridò Tsubasa.

∗ ∗ ∗

“Un altro! E un altro ancora!”
I tifosi del PSG erano tutti in piedi. Mancavano pochi secondi e il loro numero 11 era partito in contropiede, con un dribbling che aveva lasciato col sedere per terra tre avversari in pochi metri.
Un lampo blaugrana gli si affiancò, nel tentativo di recuperare e di impedirgli di arrivare in zona tiro.
Un tackle micidiale attraversò come una lama la corsa di Taro Misaki.
L’artista del centrocampo se ne accorse con un istante di anticipo. Con un balzo elegantissimo, che ricordava il volo di una farfalla, superò l’ultimo ostacolo.
Un attimo prima di atterrare, caricò il tiro.
“Goooooooooooooool!!!!!!!”
I tifosi in maglia blu notte sembravano impazziti. Scaricarono in quell’urlo tutta la tensione di quei novanta minuti e coprirono il fischio finale dell’arbitro.
I giocatori del PSG, compresi quelli della panchina, corsero a sommergere il loro giovane compagno con un abbraccio collettivo. Il mister si unì a loro. Era stato lui a scommettere sul giovane talento visto alle Olimpiadi e questo lo aveva ripagato con la più bella vittoria della sua carriera.
Misaki aspettò che le telecamere si girassero ad inquadrare gli sconfitti, cercò Sanae in tribuna e poi le fece segno che quel gol fantastico era tutto per lei.

∗ ∗ ∗

Tsubasa Ozora non si era ancora mosso. Era rimasto esattamente nella posizione in cui si trovava quando Taro Misaki lo aveva saltato.
Si era messo a correre a tutta velocità appena lo aveva visto dirigersi verso la porta, come se da quella corsa dipendesse la sua intera esistenza. Per un attimo lo aveva affiancato e poi era entrato con decisione per fermarne la corsa.
Era sicuro di farcela, ma Misaki era come volato oltre le sue gambe, sollevato da terra da una forza misteriosa.
Si guardò intorno e vide i suoi compagni in lacrime. Avevano combattuto fino all’ultimo e adesso la sconfitta era davvero dura da digerire. Vide l’allenatore assediato dai giornalisti che gli chiedevano del futuro della sua panchina.
Poi alzò gli occhi al megaschermo e vide, in mondovisione, sua moglie che baciava il vincitore.

∗ ∗ ∗

“Non farlo aspettare. È inutile nascondersi ancora”.
Roberto Hongo aveva intuito il dilemma di Sanae, che stava guardando le compagne dei giocatori raggiungere i mariti insieme ai loro bambini, per festeggiare tutti insieme sul campo.
“Non è un’occasione che capita tanto spesso”, sorrise.
Sanae decise che era stufa di nascondersi in tribuna e che era arrivato il momento di uscire dall’ombra.
Strinse in mano l’hachimaki, che le aveva regalato Taro, e fece per correre verso il campo da gioco.
Ma, prima, sorrise al suo vicino.
“Ha proprio ragione”, disse, “Non la faccia aspettare. È inutile nascondersi ancora”.
E volò via, lasciando a bocca aperta l’allenatore brasiliano.

∗ ∗ ∗

Taro Misaki si accorse che Sanae Nakazawa correva a precipizio giù dalle scale della tribuna.
Il cuore si mise a battergli sempre più forte e si dimenticò completamente dov’era.
Lo stadio, le bandiere, il rumore sparirono.
C’era solo lei, che gli correva incontro con un sorriso radioso.
Fece qualche passo per afferrarla mentre saltava gli ultimi gradini e gli volava tra le braccia per baciarlo.

∗ ∗ ∗

La regia non poteva chiedere di più.
Indugiò su quella scena tanto romantica per un paio di minuti. Poi, cercando di alimentare il pettegolezzo, andò a cercare tra gli sconfitti Ozora Tsubasa, ma rimase a bocca asciutta anche questa volta.
Pochi secondi prima, Rivault lo aveva raggiunto, coprendogli la testa con un asciugamano e lo aveva accompagnato nel tunnel che portava negli spogliatoi.

∗ ∗ ∗

“Mamma, ma il fratellone ha perso!”, disse Daichi Ozora con tono deluso.
“Non si può sempre vincere”, spiegò calma la madre di Tsubasa.
In quel momento, lo schermo del televisore di casa Nakazawa mostrò, con tanto di commento commosso del telecronista, Taro che abbracciava Sanae.
La signora Nakazawa diventò paonazza e si voltò di scatto verso la consuocera, in cerca di un appoggio al suo incontenibile sdegno.
Yoshiko Yamaoka non si trattenne.
“Sono davvero una coppia bellissima!”, esclamò la ragazzina con un sorriso incantato.
Natsuko Ozora non ricambiò lo sguardo della madre di Sanae, ma rimase a guardare per qualche istante lo schermo.
“Hai ragione”, disse, “Sono una coppia bellissima…”
La signora Nakazawa rimase turbata e confusa.
Yumiko Yamaoka ringraziò sorridendo il padre di Sanae, poi si avviò insieme alla figlia.
“Mi dispiace molto per sua madre”, disse la signora Nakazawa al momento di congedarle.
La signora Yamaoka annuì con un’espressione commossa e sua figlia si soffiò il naso per non far vedere che stava ridendo.

∗ ∗ ∗

Kojiro Hyuga non riusciva a staccare gli occhi dal megaschermo, sul quale Taro Misaki stava sollevando la coppa dalle grandi orecchie.
La prima, la più dura sconfitta dell’invincibile soccer prodigy era stata opera del suo migliore amico, fedele partner per anni nella leggendaria Golden Combi, il timido, gentile Taro Misaki.
Il telefono di Matsuyama segnalò un messaggio.
“Una partita magnifica”, scriveva Wakabayashi, “Sto malissimo. Vado a sbronzarmi”.
Le telecamere inquadrarono Sanae Nakazawa che volava tra le braccia del numero 11.
“In ogni caso, questa gliela potevano risparmiare…”, sbottò Kumi.
“Se avesse vinto Tsubasa, non saresti stata altrettanto sensibile”, ribatté Izawa.
Yukari pensò che aveva ragione. Tutti avevano sempre guardato la vicenda solo dal punto di vista di Tsubasa. Lei stessa sapeva benissimo che Misaki era sempre stato innamorato di Sanae, ma non aveva mai avuto nessuna comprensione per il suo dolore. Come se un amore potesse essere una colpa.
“È difficile stare a guardare il mondo che si ribalta”, mormorò Misugi, come per scusarsi.
“Ne uscirà”, disse Matsuyama, “Un vero uomo non si vede nella vittoria, ma nella sconfitta”.
Ishizaki era sopraffatto dall’emozione.
“Vado da lui”, disse, “Non posso lasciarlo solo in questo momento”.
I ragazzi della medaglia d’oro si salutarono e se ne andarono alla spicciolata, con una sensazione di disagio.
Si erano accorti di essersi dimenticati per troppo tempo che la gioia della vittoria non può esistere senza le lacrime degli sconfitti.

∗ ∗ ∗

illustrazione 4a

Capitolo ventiquattresimo – La cosa più bella sulla nera terra

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s